1. Home
  2. Calcio
  3. Serie A

Quote Serie A Vincente

Vincente
Confronta Quote
Migliore Quota
Statistiche Quote
Quote Decrescenti
Quote Crescenti
Ordina per
Favorito
Nome
Favorito
Offerte Speciali:
Milan
Napoli
Inter
Juventus
Atalanta
Roma
Lazio
Udinese
Fiorentina
Torino

Comparazione Bonus

Inter vince contro la Roma a quota 11.0
Quota 11.00
888 Sport T&C's:
Per i dettagli completi, consultare la pagina dell'offerta cliccando su verifca.
Inter vs Roma: Roma vincente a quota 21.0
Quota 21.00
888 Sport T&C's:
Per i dettagli completi, consultare la pagina dell'offerta cliccando su verifca.
Bonus Exchange: 100% di rimborso fino a €50
€50
Betfair Exchange T&C's:
Codice Bonus: ZGMATE
Bonus Benvenuto: vincita extra del 50% fino a €100
€100
LeoVegas T&C's:
L'offerta di benvenuto per la sezione Sport consiste in una vincita potenziata del 50% fino a 100€ dopo il primo deposito.
Bonus Benvenuto: fino a €450
€450
Sisal T&C's:
Codice Bonus: ODDS-CHECKER

Quote Serie A: Come scommettere sul campionato di calcio

La Serie A è il massimo campionato di calcio italiano e l’evento sportivo più seguito in Italia per numero di spettatori, negli stadi e tramite i media. Attualmente partecipano 20 formazioni, si disputano un totale di 38 giornate e la squadra che termina la stagione al primo posto in classifica viene nominata “Campione d’Italia”.

Nel ranking UEFA è considerato il terzo campionato nazionale europeo e, per questo, risulta un’ottima vetrina per i calciatori di tutto il mondo. Le prime quattro classificate della Serie A, nella stagione successiva, avranno la possibilità di accedere alla Champions League, la quinta e la sesta potranno competere per l’Europa League, la settima per la Conference league mentre le ultime tre in classifica retrocedono nella serie minore, la Serie B.

Come per ogni altro evento sportivo, tramite le quote Serie A è possibile scommettere sull’esito delle singole partite, cercando di prevedere chi otterrà la vittoria in ogni incontro. Ma non solo, infatti si può puntare anche sul numero totale di gol realizzati, su chi saranno i marcatori, sul risultato al termine del primo tempo di gioco e molto altro.

Quote Vincente Serie A

Esistono anche le scommesse antepost, cioè quelle relative a previsioni sulla manifestazione e non sulla singola partita. Tra queste, la più importante è quella sulla vincente. Le quote Serie A sulla squadra vincente sono aggiornate costantemente in base all’andamento del campionato, e in qualsiasi momento è possibile fare la propria puntata su chi saranno i Campioni d’Italia.

Dopo un dominio di nove anni della Juventus, l’Inter è riuscita a strappare lo Scudetto dalla maglia dei bianconeri al termine della stagione 2020-2021, ed è l’attuale detentrice del titolo della Serie A.

Su OddsChecker, è possibile confrontare le quote vincente Serie A per scommettere in modo consapevole.

Quote Retrocessione Serie A

Passando alle note dolenti, le scommesse possono riguardare anche le zone basse della classifica, e in particolare individuare quali saranno le tre squadre a retrocedere. Le quote Serie A sulla retrocessione indicano i team che sembrano meno preparati per competere ad alto livello all’interno del campionato e che per questo rischiano seriamente di ottenere risultati negativi e precipitare in Serie B a partire dalla stagione successiva.

Anche in questo caso, i bookmaker analizzano rose, ambizioni e statistiche delle squadre per restituire uno spaccato della situazione in tempo reale, in modo che le quote sulla retrocessione siano sempre il più precise possibile e rispecchino i reali valori in campo.

Quote Marcatori Serie A

Per riuscire ad azzeccare questo tipo di giocate bisogna essere aggiornati sullo stato di forma delle squadre, conoscere quali praticano uno stile di gioco più offensivo e quali difensivo, e non guasta mai analizzare attentamente le quote Serie A sulle partite in generale.

Le tipologie di scommesse incluse in questa categoria sono:

Primo Marcatore: permette di scommettere sul giocatore che segnerà il primo gol della partita. Le quote sono generalmente medio-alte e a vantaggio dell’attaccante più prolifico della squadra.

Ultimo Marcatore: una scommessa che punta a indovinare quale giocatore segnerà l’ultimo goal del match. Rappresenta una delle scommesse più difficili da indovinare e per questo offre delle quote molto alte. Adatta a chi ama il rischio, è una di quelle giocate che dà la possibilità di poter vincere fino all’ultimo minuto del match.

Marcatore Sì/No: è una giocata più semplice rispetto alle altre elencate, ma mai scontata. Si sceglie un giocatore e si scommette sul fatto che possa realizzare o meno una rete durante il match prestabilito. Quando si sceglie un attaccante che segna molto le quote sono solitamente basse mentre, puntando su un difensore, spesso ci sono quote più alte.

Doppietta e Tripletta: queste sono giocate difficili da realizzare e di norma le quote sono piuttosto alte. Le puntate si effettuano principalmente sui bomber del campionato.

Quote Capocannoniere Serie A

Per quanto riguarda i risultati a livello individuale, il titolo più ambito della stagione, soprattutto per gli attaccanti, è sicuramente quello di capocannoniere. È assegnato al giocatore che ha segnato più gol nell’intero arco del campionato, e che dunque - nella maggior parte dei casi - è risultato decisivo per la sua squadra. 

Le quote capocannoniere della Serie A vedono sempre favoriti i grandi campioni che giocano all’interno della competizione, ma spesso possono presentare anche delle sorprese. Il capocannoniere della Serie A 2020-2021 è stato Cristiano Ronaldo della Juventus, che ha ottenuto il titolo segnando 29 gol, seguito da Romelu Lukaku a quota 24.

Su OddsChecker è sempre presente la comparazione quote Serie A sul capocannoniere per scoprire chi sarà l’erede di Ronaldo nella stagione 2021-2022. Il portoghese riuscirà a confermarsi?

Dove vedere la Serie A 2021-2022?

La nuova stagione di Serie A 2021-2022 non sarà più visibile interamente su Sky come siamo stati abituati negli ultimi anni. La scadenza del contratto con la Lega Calcio e la nuova gara di appalto istituita hanno visto la vittoria del canale digitale DAZN, che a partire dalla stagione 2021-2022 e per tre anni (fino alla stagione 2023-2024) avrà l’esclusiva trasmissione in diretta di 7 partite su 10 alla settimana, con le tre rimanenti in condivisione con Sky.

Per poter seguire tutte le partite della nostra squadra del cuore, dunque, sarà necessario un abbonamento a DAZN. Sarà possibile vedere la Serie A 2021-2022 in streaming tramite pc desktop oppure tramite app su qualsiasi dispositivo mobile e Smart TV.

Quando gioca la Serie A?

La Serie A si gioca per lo più nei weekend (fatta esclusione per i cinque turni infrasettimanali, che si giocano tra il martedì e il giovedì). Si parte dagli anticipi del sabato alle ore 15, 18 e 20.45. Stessi orari per la domenica, però con l’aggiunta della partita delle 12.30. Infine, l’ormai classico Monday Night alle 20.45 che chiude ogni giornata di Serie A.

Chi retrocede dalla Serie A?

Le squadre che dalla Serie A retrocedono ogni anno in Serie B sono le ultime tre classificate. In base ai risultati della stagione, i team che hanno avuto i risultati più negativi rischiano di dover abbandonare la massima divisione italiana e tentare nuovamente la scalata dalla Serie B l’anno successivo.

Alla fine della stagione 2020-2021, le tre squadre che sono arrivate rispettivamente 18esima, 19esima e 20esima sono state Benevento, Crotone e Parma: esse cercheranno subito di riguadagnare il campionato più prestigioso il prossimo anno, disputando intanto la Serie B.

Chi sale in Serie A?

Per ottenere la promozione dalla Serie B, è necessario arrivare almeno nei primi otto posti.

Le prime due classificate sono automaticamente promosse. L'ultima promozione è invece decisa tramite i play-off, ai quali partecipano le squadre classificate dal terzo all’ottavo posto. Ciò non avviene nel caso in cui tra terza e quarta classificata vi sia un distacco superiore a 14 punti: i play-off non saranno disputati e di conseguenza la terza classificata sarà promossa direttamente in Serie A.

Chi vince la Serie A in caso di arrivo a pari punti?

L’arrivo a pari punti non è una possibilità così remota, e infatti la Serie A ha delle regole precise per stabilire chi vince il campionato in caso di parità.

I criteri imposti alle squadre dal regolamento della Serie A in caso di arrivo a parità di punti al termine del campionato sono cinque:

  • Punti ottenuti negli scontri diretti tra le squadre a pari punti;
  • Differenza reti negli scontri diretti tra le squadre a pari punti;
  • Differenza reti generale nel campionato;
  • Reti totali realizzate in generale: se dovesse essere in equilibrio anche la situazione della differenza reti delle due squadre, a decidere sarebbe il numero totale di gol fatti nel corso del campionato;
  • Sorteggio, come estrema ipotesi.

Perché le giornate di Serie A sono asimmetriche?

La novità più grande della Serie A 2021-2022 sta nel calendario asimmetrico nella sequenza delle giornate tra andata e ritorno.

È stata la stessa Lega Serie A a spiegare il motivo della novità, già adottata da qualche tempo da altri campionati europei come la Premier League, la Liga e la Ligue 1: “La nuova formula permetterà una migliore distribuzione degli incontri, non condizionati in questo modo da vincoli presenti all’andata che possono ricadere sulla stessa giornata del ritorno e viceversa. L’unico criterio imposto al sorteggio sarà che una partita non avrà il proprio ritorno prima che siano stati disputati altri 8 incontri".

Riepilogo e Risultati delle giornate della Serie A 2021/2022

Riepilogo della 38ª Giornata di Serie A

Torino – Roma

La 38° ed ultima giornata di Serie A si apre con la vittoria della Roma a Torino per 3-0. Un successo che garantisce la qualificazione all’Europa League, indipendentemente dall’esito della finale di Conference League. Doppietta di Abraham che chiude a quota 17 gol segnati nella prima stagione in Italia. Chiude il successo giallorosso il nono centro stagionale di Lorenzo Pellegrini. 

Genoa - Bologna

Il Genoa saluta la Serie A con la 18° sconfitta stagionale. Il Bologna espugna il Ferraris con la rete di Barrow e rossoblu che chiudono la stagione con la 12 vittoria in campionato e 46 punti complessivi.

Lazio - Verona

Gol, emozioni, spettacolo e posta in palio divisa all’Olimpico. Tra Lazio e Verona finisce 3-3. Simeone e Lasagna aprono le danze per la truppa di Tudor, poi gli uomini di Sarri tornano in gara grazie alle reti di Cabral e Anderson. Pedro mette la freccia per i padroni di casa, prima del pareggio definitivo di Hongia. Immobile chiude ancora una volta capocannoniere della Serie A con 27 reti, con Simeone sulla sponda gialloblu che si ferma a 17.

Fiorentina - Juventus

Una rete per tempo permette alla Fiorentina di battere 2-0 la Juventus e staccare il pass per la Conference League. Nell’ultima gara in bianconero di Giorgio Chiellini, gli uomini di Italiano si impongono con i gol di Duncan e Gonzalez che dal dischetto fa 7 in campionato. Viola in Europa dopo 6 anni dopo l’ultima volta, con i bianconeri che per il dodicesimo anno di fila volano in Champions League.

Atalanta - Empoli

L’Empoli espugna Bergamo e conquista la seconda vittoria nel girone di ritorno. Decide una rete di Stulac con la truppa di Andreazzoli che chiude la stagione con 41 punti. Niente da fare per gli uomini del Gasp che mancano l’Europa dopo sei qualificazioni di fila e incassano l’undicesima sconfitta stagionale.

Spezia - Napoli

Il Napoli espugna il Picco per 3-0. Succede tutto nella prima frazione, grazie alle reti di Politano, Zielinski e Demme che valgono il quarto successo di fila dei partenopei. Spalletti chiude a quota 79 punti, con un poker di successi nelle ultime 5 partite giocate in trasferta.

Sassuolo - Milan

Il Diavolo torna sul tetto d'Italia, a distanza di 11 anni dall’ultimo trionfo. Il Milan chiude la pratica nella prima frazione, con la doppietta di Giroud che fa 11 in campionato, come Leao. Completa la festa tricolore della banda di Pioli, Kessie nella sua ultima gara con il Milan. Sesta vittoria di fila che vale il 19° scudetto della storia meneghina, con lo stesso Pioli al primo campionato vinto.

Inter - Sampdoria

L’Inter travolge 3-0 la Sampdoria, ma il quarto successo di fila non basta per mettere le mani sul 20° scudetto nerazzurro. Sono passati 12 mesi dal trionfo con Conte, e la squadra di Simone Inzaghi abdica a favore dei cugini. Perisic e la doppietta di Correa mettono il sigillo su una stagione che ha visto Brozovic e soci conquistare Supercoppa Italiana e Coppa Italia.

Salernitana - Udinese

L’Udinese espugna 4-0 l’Arechi, ma la Salernitana si salva ugualmente grazie al mancato successo del Cagliari. Deulofeu, Nestorovski, Udogie e Pereyra firmano il poker bianconero, con l’undicesimo successo stagionale dei friulani che si fermano a quota 47 punti. I Granata sono andati KO dopo 7 gare, ma come detto ottengono la salvezza con 31 punti: l’ennesimo miracolo del tecnico Nicola, dopo quello con il Crotone nel 2019.

Venezia - Cagliari

Il Cagliari non va oltre lo 0-0 contro il già retrocesso Venezia e imita i lagunari nella retrocessione verso la B. Un tiro al bersaglio dei sardi che tornano nella serie cadetta, sei anni dopo l’ultima promozione. Con 30 punti, si fermano ad una sola lunghezza dalla salvezza.

Riepilogo della 37ª Giornata di Serie A

Empoli - Salernitana

La 37° giornata di Serie A si apre con il pareggio del Castellani. Una rete per tempo, con Empoli e Salernitana che si spartiscono la posta in palio. Cutrone sblocca il risultato e poi arriva il pari di Bonazzoli. Sesto risultato utile di fila per i granata che hanno due punti di vantaggio sul Cagliari e hanno due risultati su tre nel match con l’Udinese per ottenere la salvezza. 

Verona - Torino

Basta una rete di Brekalo in apertura di gara per consegnare il ritorno al successo al Torino, dopo il Ko nel turno precedente contro il Napoli. Tre punti che lanciano la formazione dell’ex gialloblu Juric a quota 50. Per il Verona si tratta della seconda sconfitta di fila e sono sempre 52 i punti degli uomini di Tudor.

Udinese - Spezia

Spezia corsaro alla Dacia Arena e soprattutto salvo grazie a questi tre punti. Molina illude i padroni di casa, poi Verde e Gyasi permettono il sorpasso degli uomini di Motta. Maggiore allunga ad inizio ripresa e infine il gol di Mari che fissa il risultato sul 2-3. Finisce la striscia negativa di 5 sconfitte di fila per la truppa ospite che con 36 punti raggiunge la seconda salvezza di fila. Per i friulani terza gara di fila senza successi e 44 punti. 

Roma - Venezia

Tra Roma e Venezia finisce a sorpresa 1-1, con i lagunari già retrocessi prima del fischio di inizio. La formazione ospite colpisce a freddo i capitolini, con la rete di Okereke. Il Venezia resta in 10 alla fine della prima frazione, ma il muro regge fino al minuto 75’, quando Shomurodov fa 1-1. Il punto tiene in corsa la roma per l’Europa League, ma tutto è rimandato all’ultima giornata, con la squadra di Mourinho impegnata a Torino contro i granata, nell’anticipo del venerdì.

Bologna - Sassuolo

Il derby emiliano sorride ai neroverdi che espugnano 3-1 il Dall’Ara. Una doppietta di Scamacca (16 reti in campionato), il quindicesimo gol stagionale di Berardi mettono in ghiacchio i tre punti per i ragazzi di Dionisi. Il Gol di Orsolini a fine match serve solo per le statistiche. Ritorno al successo dopo 6 gare per la squadra ospite, con il Bologna che incappa nella seconda sconfitta di fila e un solo punto in 270 minuti.

Napoli - Genoa

Nel giorno dell’ultima gara del capitano Insigne al Maradona, il Napoli condanna alla B il Genoa con un secco 3-0. Osimhen, Insigne e Lobotka firmano il successo partenopeo, il terzo di fila per la truppa di Spalletti che sale a 76 punti e ottiene la certezza del terzo posto. Per la formazione ospite finisce una stagione da incubo e si guarda già al campionato cadetto.

Milan - Atalanta

Quinta vittoria di fila per il Milan di Pioli e ora i rossoneri sono ad un solo punto dalla vittoria dello Scudetto che manca da 11 anni. Diavolo che non batteva dal 2014 l’Atalanta in casa e ci pensano nella ripresa le reti di Leao e Theo Hernandez. Tre punti pesanti che permettono al Milan di restare due punti davanti all’Inter e contro il Sassuolo, Ibra e soci avranno due risultati su tre.

Cagliari - Inter

L’Inter non molla la presa e mette ancora pressione al Milan. Il 3-1 ottenuto con merito a Cagliari, permette alla truppa di Simone Inzaghi di tenere aperto il discorso Scudetto e gli ultimi 90 minuti saranno quelli decisivi. La terza vittoria di fila porta le firme Darmian e di Lautaro, la cui doppietta vale l’approdo a quota 21 in classifica cannonieri. Sardi ad un passo dalla retrocessione, nonostante il gol di Lykogiannis: due lunghezze dalla salvezza diretta e vincere a Venezia potrebbe non bastare.

Sampdoria - Fiorentina

Un Sampdoria già salva travolge 4-1 la Fiorentina e per la squadra di Italiano si complica il cammino verso l’Europa. Nella prima frazione Ferrari e Quagliarella portano sul 2-0 la truppa di Giampaolo e nella ripresa i blucerchiati dilagano con Thorsby e Sabiri: Gonzalez su rigore limita in parte il passivo per gli ospiti che si giocheranno il tutto per tutto negli ultimi 90 minuti contro la Juventus al Franchi, con la Samp di scena a San Siro contro l’Inter.

Juventus - Lazio

L’ultima gara di Chiellini e Dybala davanti al pubblico amico vede la formazione di Allegri portarsi sul 2-0, con i gol di Vlahovic e Morata. Patric nella ripresa riapre i giochi e sul suono della sirena arriva il pareggio di Milinkovic-Savic. Un punto che consegna la matematica certezza dell’ingresso in Europa League per la truppa di Sarri.

Riepilogo della 36ª Giornata di Serie A

Inter - Empoli

La 36° giornata di Serie A si apre con la vittoria in rimonta dell’Inter a San Siro, dopo il doppio vantaggio degli uomini di Andreazzoli: sblocca l’ex Pinamonti, raddoppia Asllani, prima del micidiale uno-due nerazzurro con l’autogol di Romagnoli e il pareggio di Lautaro. Nella ripresa il “Toro” cala la doppietta che vale il sorpasso e il 19° gol in campionato. Il 4-2 finale porta la firma di Sanchez. Nerazzurri che inanellano la seconda vittoria di fila e con 78 punti restano a due lunghezze dal Milan capolista. Empoli salvo a quota 37. 

Genoa - Juventus

Rialza la testa la truppa rossublu che batte la Juventus 2-1 in rimonta e i liguri tornano in gioco per il discorso salvezza. Bianconeri avanti con il gol di Dybala che illude la banda di Allegri. Ribaltano la situazione Gudmundsson e Criscito nel finale, con tre punti pesanti. Genoa che sale a quota 28 a meno due dalla salvezza diretta. Per la “Vecchia Signora” arriva una sconfitta dopo 4 risultati utili di fila.

Torino - Napoli

Partenopei che calano il secondo successo di fila, grazie alla rete di Ruiz che vale l’intera posta in palio. La squadra di Spalletti sale a quota 73, ma il successo del Milan estromette matematicamente Insigne e soci dalla lotta scudetto. Torino che dopo sei risultati utili di fila cade e subisce la quinta sconfitta interna stagionale. Granata che restano con 47 punti. 

Lazio – Sampdoria

Il più classico dei risultati consegna alla Lazio tre punti decisivi nella volata per le Coppe Europee. Gli uomini di Sarri domano 2-0 la Sampdoria, con una rete per tempo: apre Patric nella prima frazione e raddoppia Luis Alberto nella ripresa. Seconda vittoria di fila per i capitolini che salgono al quinto posto solitario con 62 punti. Sampdoria di nuovo nei guai con 33 punti e appena 4 lunghezze sopra la zona calda. La truppa di Giampaolo incappa nella terza sconfitta in cinque match.

Sassuolo - Udinese

NerOverdi e bianconeri si spartiscono la posta in palio, in un match fra due formazioni che non hanno più nulla da chiedere al campionato. Apre Scamacca, al 14° centro stagionale e pareggia i conti Nuytinck. Sassuolo che sale a 47 punti e Udinese che si porta a quota 44.

Spezia - Atalanta

Vittoria fondamentale per l’Atalanta nella volata per l’Europa. I ragazzi di Gasperini si impongono 3-1 al Picco, con Muriel che sblocca il risultato, prima del momentaneo 1-1di Verde. Nella ripresa Djimsiti e Pasalic chiudono i conti, con la formazione nerazzurra che si porta a quota 59 con Roma e Fiorentina. Liguri che restano a 33 punti e appena 4 lunghezze sopra la zona calda.

Venezia - Bologna

C’è ancora vita e c’è ancora speranza per il Venezia che batte 4-3 il Bologna in una gara dalle emozioni infinite. Henry e Kiyine portano sul 2-0 i padroni di casa, prima della rimonta rossoblu, con Orsolini, Arnautovic e Schouten. Pareggia Aramu e i veneti piazzano il sorpasso con il rigore di Johnsen che lancia i lagunari a quota 25: meno cinque dalla salvezza diretta.

Salernitana - Cagliari

Lo spareggio salvezza dell’Arechi si chiude con un punto per parte e invece che chiudere il discorso, non solo lo riapre, ma aumenta le formazioni che possono ambire ancora a salvarsi. Campani avanti con il gol di Verdi dal dischetto e pareggio sardo al 99’ minuto con Altare. Granata che si portano a 30 punti e salvi al momento, un punto sopra al Cagliari. Tutto ancora in equilibrio a 180 minuti dalla fine.

Verona - Milan

La capolista cala il tris nella Fatal Verona che di colpo diventa magica per il Milan. Successo in rimonta per i rossoneri che vanno sotto con la rete di Faroni, poi salgono in cattedra Leao in versione assist man e Tonali che firma il pari e il sorpasso. Chiude i giochi Florenzi con la seconda rete stagionale. La squadra di Pioli blinda la prima piazza con 80 punti e sogna il tricolore, grazie alla quarta vittoria di fila.

Fiorentina - Roma

Lo spareggio per l’Europa sorride alla Fiorentina che si impone 2-0 sulla Roma. Viola che mettono fine alle tre sconfitte di fila e con 59 punti agganciano proprio i giallorossi in classifica. Gonzalez porta in vantaggio i toscani e raddoppia Bonaventura. La corsa all’Europa si fa intensa a 180 minuti dalla fine.

Riepilogo della 35ª Giornata di Serie A

Napoli - Sassuolo

La 35° giornata di Serie A si apre con i partenopei in versione rullo compressore: vittoria con un tennistico 6-1 sul Sassuolo. Una riposta decisiva, dopo la serie di sconfitte che ha di fatto precluso la volata scudetto alla formazione di Spalletti. Partita archiviata dopo appena 45 minuti, con 4 gol a sigillare i tre punti. Per il Napoli un successo che mancava da tre gare, con la vittoria per 3-1 a Bergamo. I neroverdi infilano la terza sconfitta di fila, la quarta in cinque gare, con 46 punti complessivi.

Cagliari - Verona

Il Verona inguaia il Cagliari e soprattutto con il 2-1 esterno condanna all’esonero Mazzarri che viene sostituito da Alessandro Agostini. La formazione di Tudor si porta sul 2-0 nel primo tempo, con le reti di Barak e Caprari, mentre nella ripresa rimonta a metà per i padroni di casa con il gol di Joao Pedro. La squadra ospite si porta a quota 52 a meno quattro dalla zona coppe, con il Cagliari che resta sopra 3 punti alla zona calda.

Sampdoria - Genoa

Un derby drammatico sportivamente parlando. Sorride la sponda blucerchiata di Genova e ci pensa Sabiri a regalare il derby della Lanterna in salsa per la salvezza. La squadra di Giampaolo si issa a quota 33 e mette una distanza importante dalla zona retrocessione. Per il Genoa è notte fonda, anche alla luce del rigore fallito da Criscito che sa quasi di segnale negativo sulla strada che porta alla salvezza.

Spezia - Lazio

Al Picco arrivano sette gol, rimonte, controsorpassi e polemiche non a finire. Lo Spezia si porta per tre volte in vantaggio, con le reti di Amian, Agudelo e Hristov, a cui rispondono gol su gol Immobile dal dischetto, l’autorete di Provedel e Milinkovic-Savic. Al ’90 arriva la rete di Acerbi che consegna tre punti pesanti alla formazione di Sarri. Capitolini a quota 59 e in lizza per l’Europa League. Sconfitta amara per lo Spezia che resta a quota 33 e manca per la quarta gara di fila il successo.

Juventus - Venezia

Il lunch match della domenica ci consegna il successo della Juventus che batte 2-1 il Venezia e si garantisce matematicamente l’accesso alla Champions League. Serve una doppietta di Bonucci per centrare i tre punti contro un Venezia che ha venduto cara la pelle e con un piede in B. Nel mezzo alle dure reti bianconere, ecco il momentaneo 1-1 ospite con il gol di Aramu. La squadra di Allegri centra la seconda vittoria di fila, la terza in quattro gare con 69 punti complessivi.

Milan - Fiorentina

Una rete di Leao a 9 minuti dalla fine fa esplodere San Siro e consegna altri tre punti pesanti al Milan nella corsa scudetto. Dopo la sconfitta dell’Inter nel recupero di Bologna i rossoneri sono rimasti al comando con due punti di vantaggio: per questo motivo il successo per 1-0 sulla Fiorentina lascia gli uomini di Pioli al comando con lo stesso vantaggio, ma con 90 minuti in meno verso il traguardo. Terzo successo di fila per il Diavolo, con la squadra di Italiano che va KO per la terza volta in appena 7 giorni. Una sconfitta che potrebbe condannare i toscani al mancato approdo in zona Europa.

Empoli - Torino

Il Gallo canta tre volte al Castellanti. Andrea Belotti consegna una vittoria rimonta al Torino, con tre reti nella parte finale del match, dopo che l’Empoli aveva sbloccato il risultato con Zurkowski. Poi i ragazzi di Andreazzoli restano in 9 e crollano sotto i colpi dei rivali. I granata portano a sei gare consecutive la striscia positiva e con 47 punti si portano a metà classifica. Toscani quasi salvi a quota 37, ma con la terza sconfitta in cinque gare.

Udinese - Inter

I campioni di Italia in carica rispondono ai cugini ed espugnano 2-1 la Dacia Arena, grazie alle reti di Perisic e Lautaro Martinez. Pussetto la riapre nella ripresa, ma la truppa di Simone Inzaghi regge e porta a casa tre punti che lasciano viva la corsa scudetto: nerazzurri staccati di due punti dal Milan e alla quarta vittoria in cinque gare. Udinese che incassa la seconda sconfitta in quattro gare, con 43 punti.

Roma - Bologna

Un punto per parte all’Olimpico, con zero reti in 90 minuti. La Roma dopo il Ko di Milano con l’Inter conferma di avere ancora la testa alla Conference League. Un punto che lancia la truppa di Mourinho a 59 punti a braccetto con la Lazio. I rossoblu invece portano a 5 le gare senza sconfitte e con 43 punti la salvezza è ampiamente in cassaforte.

Atalanta - Salernitana

Un punto per parte e un gol per tempo in quel di Bergamo. Granata avanti con la rete di Lourenco, ma il gol di Pasalic quasi allo scadere divide la posta in palio. Nerazzurri che salgono a quota 56 assieme alla Fiorentina e allungano la striscia positiva a tre gare, con il secondo segno X di fila. Salernitana che sale al terzultimo posto con 26 punti, a meno due dalla salvezza diretta e con un match ancora da recuperare.

Registrati su OddsChecker

Compara, Scegli, Gioca

Zero Spam! Ricevi le ultime offerte e i bonus scommesse via e-mail.
0Schedina

Ci sei quasi!

Stiamo caricando le tue scommesse, saranno qui in un secondo

Bonus Clienti Esistenti
Bonus ScommesseBonus Oddschecker
Formato quote
Ti sei giá registrato?
Torna Su