Brexit Regno Unito

Brexit, ore cruciali: May offre le sue dimissioni. Salgono le quotazioni per un secondo referendum. Al via la corsa al dopo-May.

Antonio Pirolo
giovedì, 28 marzo, alle 14:43

 

Brexit, Theresa May rilancia e fa all-in. La premier britannica ha messo sul piatto le proprie dimissioni in cambio del via libera, da parte dei colleghi-deputati Tory, al suo accordo sul divorzio del Regno Unito dall’Unione Europea.

 

La May si gioca il tutto per tutto per convincere gli euroscettici a far passare l'intesa, già bocciata due volte dalla Camera dei Comuni, a gennaio e a marzo, tanto che la premier è stata costretta a chiedere una proroga alla UE della data di uscita, dal 29 marzo al 12 aprile. Nel frattempo, i Comuni hanno approvato una modifica della data della Brexit nella legge britannica, il prossimo 22 maggio qualora il Parlamento approverà entro questa settimana la proposta della May, o il 12 aprile se l'accordo non verrà approvato (No Deal).

 

Quando lascerà la May? Cosa accadrà dopo?

 

La leader dei Tory ha ben compreso che il suo mandato è ormai giunto al termine (le dimissioni della May nel 2019 si giocano appena a 1,03 con 888sport). La pensa così, secondo un recente sondaggio, anche il 57% dei britannici.
 

Fino al completamento di questo iter, la May resterà l’inquilina del 10 di Downing Street. Ma la possibilità di successione immediata sulla poltrona più alta a Westminster ha subito scatenato le mire dell’ex ministro degli Esteri Boris Johnson che, cambiando completamente opinione nel giro di qualche giorno, ha confermato che sosterrà l’accordo May. Il due volte sindaco di Londra, evidentemente, ambisce al ruolo di leader di Primo Ministro britannico (Johnson nuovo Primo Ministro si gioca a 5,50 con William Hill).

 

L’opzione secondo referendum.

 

Nonostante l’ostruzione degli Unionisti nordirlandesi (socio di minoranza del Governo May), il via libera - al terzo tentativo - dell’accordo May in aula sembrerebbe più vicino. Anche se in Parlamento regna lo stallo: nessuna delle 8 proposte di piano B alternative all’accordo è riuscita a ottenere la maggioranza alla Camera dei Comuni.

 

L’opzione più votata tra le 8 è stata quella che chiede un secondo referendum di conferma dell’accordo, proposta che nelle scorse settimane è stata supportata da milioni di inglesi scesi nelle strade a manifestare per un nuovo voto.

 

Secondo i bookmakers, il via libera a un secondo referendum sulla Brexit è quotato a 3,20 (quota migliore con 888sport) mentre il No, ancora oggi opzione più probabile, è a 1,30; circa il 70% degli scommettitori inglesi crede comunque nella possibilità di realizzarsi una seconda tornata referendaria.

 

0Schedina

Ci sei quasi!

Stiamo caricando le tue scommesse, saranno qui in un secondo

Ultimi Pronostici

Elezioni USA, quote per le presidenziali, male Trump, bene Biden e i democratici

Meno di un mese alle elezioni presidenziali USA, e il testa a testa tra Trump e Biden, almeno per i bookmakers, sembra favorire i democratici. Decisivi i prossimi confronti in tv?
oddschecker
Leggi L'Articolo

Elezioni presidenziali USA, chi sará il prossimo presidente secondo i bookmakers?

La corsa alla Casa Bianca sta entrando nel vivo, secondo le quote é un testa a testa tra Donald Trump e Joe Biden, con il primo favorito
oddschecker
Leggi L'Articolo

Politica UK, il virus muove le quote su Carlo e il Governo

Difficile prevedere l`impatto del coronavirus sul sistema politica del Regno Unito, ma la cronaca interviene sulle quote di Carlo e su quelle di un prossimo governo
Oddschecker
Leggi L'Articolo