Eurobidoni, Ian Rush, il dopo Platini mancato in casa Juventus

Arrivato come sostituto, piú avanzato, di Roi Michel, Rush doveva essere il nuovo centravanti bianconero per contrastare Milan e Napoli. Ma alla fine….

Beppe Vigani
giovedì, 19 marzo, alle 06:02
  • Uno dei più grandi colpi della storia del calcio sul finire degli anni Ottanta, lo mise a segno la Juventus, con l’acquisto del centravanti del Liverpool, Ian Rush, autentico demonio delle difese avversarie.

  • All’epoca il bomber veniva considerato l'attaccante più forte d'Europa. Il centravanti di St Asaph, paesino gallese con poco più di tremila abitanti, in cui nacque nel 1951, arrivò dai Reds per 7 miliardi delle vecchie lire con un biglietto da visita non indifferente: 224  presenze e 139 gol in Premier e 26 gare con 14 reti in Coppa dei Campioni, che vinse nel 1980 e 1984 insieme con quattro titoli, una FA Cup e 4 Coppe di Lega. Eppure Rush non riuscì mai a ingranare, se non in qualche sprazzo di partita (alla fine solo 7 gol in 29 match).

  • La poca simpatia per la lingua di Dante, lo stile di vita e l’alimentazione e, non per ultimo, il modo di giocare distante al calcio italiano lo spinsero di nuovo alla perfida Albione (tornò, infatti, al Liverpool per 6 miliardi di lire), nonostante, alla fine ebbe gratitudine per l’Italia, poiché, per sua stessa ammissione, la Serie A lo fece diventare più completo, sia dal punto di vista tecnico, sia da quello umano.

  • Nella sua seconda vita ad Anfield, il bomber gallese riuscì ancora a essere presente in 245 gare, segnando 90 reti e vincendo ancora una Premier, due FA Cup e 1 Coppa di Lega e chiudendo a 73 partite e 27 gol con la sua nazionale. Nel 1997 chiuse con i Reds e si trasferì al Newcastle United, poi allo Sheffield, per terminare la carriera nel Wrexham in Galles nel 1998 e approdare in Australia l’anno successivo, dove appese i fatidici scarpini al chiodo solo nel 2000!

  • Dopo aver appreso una carriera da allenatore, abbastanza fallimentare al Chester City, entrò in organico del Liverpool, affiancando il team commerciale del club nello sviluppo di partnerships con altri brand di livello mondiale.

0Schedina

Ci sei quasi!

Stiamo caricando le tue scommesse, saranno qui in un secondo

Ultimi Pronostici

Cassaforte, i pronostici sulle scommesse dicono gol in Scozia e Svezia

Motherwell e Livingston si sfidano mercoledì sera per rimediare a una partenza a rilento. Cercano una svolta anche Kalmar e Göteborg in terra scandinava, mentre in Liga Segunda il Girona attende l’Almeria.
oddschecker
Leggi L'Articolo

Champions League, PSG e Atletico favorite dalle quote, ma attenti alle sorprese

PSG e Atletico hanno i favori del pronostico per la vittoria e il passaggio turno. Attenzione peró al peso delle assenze tra i parigini e alla voglia di vittoria del Lipsia
oddschecker
Leggi L'Articolo

Europa League, Shakhtar e Siviglia favoriti ma occhio a under e over

Shakhtar Donetsk e Basilea si giocano le proprie chances di sfidare l’Inter in semifinale, mentre un Siviglia scatenato si trova di fronte l’insidioso Wolverhampton.
oddschecker
Leggi L'Articolo