La rubrica del martedi, iniziamo con la Top 11 dei bidoni in maglia Inter

La casacca nerazzurra l’hanno vestita alcuni tra i piú forti giocatori al mondo, ma quali sono stati i piú grandi bidoni che per ambientamento o per limitate qualitá tecniche hanno fallito la loro esperienza sotto la Madonnina.

Oddschecker
martedì, 24 marzo, alle 04:47
  • PORTIERE: Hector Fabian Carini

Il portiere uruguaiano arriva all’ Inter nell’estate del 2004 con uno degli scambi piú assurdi e incomprensibili nella storia del calcio italiano. Viene scambiato con la Juve, dove al suo posto in casacca bianconera arriva Fabio Cannavaro, che da lí a 2 anni si sarebbe laureato campione del mondo e subito dopo il primo difensore al mondo a vincere il Pallone d’oro.

Che dire? Un plauso alla dirigenza nerazzurra

  • DIFESA
  • Vratislav Greško

 I tifosi nerazzurri lo associeranno soprattutto a una data: 5 Maggio 2002, il piú

grande harakiri calcistico della storia nerazzurra. Quel giorno doveva essere una festa per tutto il popolo nerazzurro dopo anni di sofferenze calcistiche e delusioni ma non avevano fatto i conti con il laterale ceco che con un retropassaggio ai limiti della legalitá a Toldo permette il clamoroso pareggio di Poborsky della Lazio che poi vincerá la partita e consegnerá difatti lo scudetto alla Juventus.

Attenzione se sei tifoso interista, le immagini che seguono potrebbero urtare la tua sensibilitá...

  • Sorondo - Vivas

Continuiamo con una coppia di centrali sudamericani indimenticabili. Il primo, nativo di Montevideo, arriva a Milano nell’estate del 2003; 11 presenze, tante dormite difensive e una marea di panchine; lascia Milano subito l’anno successive per andare in prestito in Belgio allo Standard Liegi. Il secondo, centrale argentino, arriva invece nel 2001 direttamente dall’ Arsenal; pochissime presenze in 2 anni, uno scudetto sfiorato all’ultima giornata e il ritorno in Argentina nel 2003.

  • Alvaro Pereira

Un altro uruguaiano nella top 11 interista e siamo giá a 3 su 5; Alvaro Pereira arriva nel gennaio 2012 in nerazzurro con in realtá un interessante curriculum e delle ottime stagioni in terra portoghese con il Porto. Non lascia un gran segno comunque a Milano, con tanti cross sbagliati, un solo goal e feeling con i tifosi mai sbocciato; altro che nuovo Maicon.

  • CENTROCAMPO
  • Vampeta

Partiamo subito con un uno dei top della storia dei bidoni nerazzurri, un pauroso crack come lo definí la Gazzetta dello Sport. Arriva a Milano con l’arrivo del nuovo millennio e grazie all’amicizia con Ronaldo l’Inter e’ disposta a pagare ben 30 miliardi di lire per accaparrarsi le prestazioni del giovane brasiliano. Per lui un esordio con goal alla Lazio in supercoppa, tante aspettative e nient’altro. Lippi viene licenziato alla prima, arriva Tardelli che lo fa accomodare in panchina ogni domenica, va via a gennaio in uno scambio col PSG.

 

 

  • Kuzmanovic

Nel gennaio 2013 arriva a Milano dallo Stoccarda Kuzmanovic, centrocampista serbo. Non il miglior period storico per i nerazzurri e  la situazione peggiora con l’arrivo del serbo; nessuna capacitá ad impostare il gioco e poco spirito di sacrificio ma nonostante ció dura all’Inter per quasi 3 anni, collezionando 55 presenze e un numero imprecisato di fischi.

  • Schelotto – M Vila

Altri 2 capolavori del ds Marco Branca furono Schelotto, centrocampista argentino arrivato dall’Atalanta e M’Vila. Del primo i molti lo ricorderanno per il goal del pareggio nel derby con il Milan nel 2013, il resto un infinitá di insufficienze e un talento mai sbocciato. Il secondo, francese classe 90, in pochi mesi colleziona 8 presenze e un biglietto di ritorno in Russia verso Kazan, dove l’Inter lo aveva acquistato appena 5 mesi prima.

 

  • ATTACCO
  • Pancev - Belfodil

In attacco 2 generazioni diverse a confronto ma risultati pressoché simili. Darko Pancev arriva a Milano nell’ estate del 1992, l’Inter é sicura di aver fatto il colpo e di essersi assicurata un fenomeno; d’altronde parliamo del vincitore della Scarpa d’ oro, vincitore della Coppa Campioni con la Stella Rossa di Belgrado e secondo nella classifica nel Pallone d’Oro. Il macedone parte subito alla grande con 5 goal in 2 partite ma subito dopo l’incantesimo finisce e inizia l’odissea; finisce l’anno con sole 7 presenze, cosa sia successo e’ ancora un mistero.

Altra generazione invece quella di Belfodil, quello che veniva considerato il futuro Benzema. Arriva a Milano nel 2013 insieme ad Icardi ma per lui solo 8 presenze e nessun goal in 6 mesi con una cessione nel mercato di gennaio mentre Icardi da lí in poi comincia ad affermarsi come uno dei migliori bomber in Europa.

0Schedina

Ci sei quasi!

Stiamo caricando le tue scommesse, saranno qui in un secondo

Ultimi Pronostici

Premier, Arsenal al test Leicester. Chelsea, conta solo vincere

Arsenal allo scoglio Leicester: occorre vincere per sperare nell’Europa. Il Chelsea difende il quarto posto. Sfida salvezza tra Watford e Norwich.
oddschecker
Leggi L'Articolo

Serie A, over atteso a Lecce, under per il classico Milan Juventus

Considerate le statistiche dovrebbe arrivare una doppia vittoria esterna per Lazio e Juventus. Ma le quote offrono qualcosa di piú spostandosi su under e over
oddschecker
Leggi L'Articolo

Il Raddoppio, Spagna grande protagonista del lunedi

Nella Liga il Siviglia gioca in casa contro l`Eibar cercando punti per la Champions. Mentre in Liga Adelante il match tra Gijon e Girona si presenta molto equilibrato
oddschecker
Leggi L'Articolo