From UK, il focus dei bookmakers si sposta sulla politica USA

Con il super Tuesday ormai alle porte, si va delineando la corsa alla nomination per i democratici. Sanders in fuga guadagna terreno sugli inseguitori

Enrico Passarella
mercoledì, 26 febbraio, alle 15:00

Bernie Sanders è diventato il favorito d’obbligo dopo la netta vittoria nel caucus del Nevada di sabato scorso, dove si è accaparrato il 40% delle preferenze, doppiando i rivali più insidiosi, Joe Biden e Pete Buttigieg. Un’affermazione significativa perché arrivata in una congregazione più variegata rispetto a quelle in cui il senatore del Vermont aveva ben figurato in precedenza, mettendo dunque a tacere qualche dubbio degli analisti circa la sua base.

Leadership netta nelle quote fornite dai bookmakers inglesi: la percentuale di successo viene stimata al 62.5%, piuttosto alta considerando che i contendenti sono ancora numerosi. A differenza del 2016, Sanders non ha contro tutto l’establishment del partito e non è ancora emerso un chiaro avversario, visto che l’ex vice-presidente e Mayor Pete si sono sostanzialmente divisi la posta per quanto riguarda l’elettorato più moderato. L’unico ‘socialista’ a stelle e striscia sembra invece aver fagocitato l’altrettanto radicale Elizabeth Warren.

La variabile è rappresentata dall’ingresso tardivo di Micheal Bloomberg, che si sottoporrà al parere dei votanti per la prima volta il 3 marzo, quando 14 stati si recheranno alle urne per selezionare il proprio candidato. Il milionario con un passato da sindaco di New York si piazza al secondo posto nelle lavagne dei bookies britannici, con un distacco marcato ma non esorbitante. Il 37% delle puntate recenti ha appoggiato Sanders, il 16% Bloomberg, il 9% Buttigieg. La corsa è ancora lunga visto che è stata assegnata una piccola frazione dei 1991 delegati necessari, l’appuntamento di martedì si preannuncia decisivo.

Le primarie stanno dando grande risalto mediatico ai democratici, però Donald Trump rimane largamente favorito per la rielezione, tant’è che ha attirato il 50% delle giocate recenti Oltremanica ed ha quota molto più bassa rispetto a tutti i papabili della fazione opposta. Dopo tre anni di crescita, il Presidente necessita che la situazione economica del Paese rimanga buona per assicurarsi il secondo mandato. Tuttavia, le avvisaglie che arrivano dalla Borsa negli ultimi giorni, complice un fattore imprevedibile come il coronavirus, non sono molto rassicuranti e le elezioni di novembre sono lontane.

0Schedina

Ci sei quasi!

Stiamo caricando le tue scommesse, saranno qui in un secondo

Ultimi Pronostici

Elezioni USA, quote per le presidenziali, male Trump, bene Biden e i democratici

Meno di un mese alle elezioni presidenziali USA, e il testa a testa tra Trump e Biden, almeno per i bookmakers, sembra favorire i democratici. Decisivi i prossimi confronti in tv?
oddschecker
Leggi L'Articolo

Elezioni presidenziali USA, chi sará il prossimo presidente secondo i bookmakers?

La corsa alla Casa Bianca sta entrando nel vivo, secondo le quote é un testa a testa tra Donald Trump e Joe Biden, con il primo favorito
oddschecker
Leggi L'Articolo

Politica UK, il virus muove le quote su Carlo e il Governo

Difficile prevedere l`impatto del coronavirus sul sistema politica del Regno Unito, ma la cronaca interviene sulle quote di Carlo e su quelle di un prossimo governo
Oddschecker
Leggi L'Articolo