Serie A1 - Quote e Scommesse

COS' É LA SERIE A1 DI BASKET

La Lega Basket Serie A è il campionato di pallacanestro professionistico che si gioca in Italia. Si tratta di un torneo diviso tra una stagione regolare, che si gioca da ottobre a maggio ed è strutturata come un girone all’italiana con partite di andata e ritorno, e una fase di play-off tra le squadre classificate nelle prime 8 posizioni. Il basket è uno degli sport di maggior successo in Italia per numero di tesserati agonisti e per seguito di pubblico, sia in televisione che dal vivo. Numerose città italiane vantano una tradizione sportiva nella pallacanestro di tutto rispetto, da Milano a Roma a Venezia, passando per i fasti passati di Siena per arrivare a Bologna, la Basket City italiana che vanta il derby più caldo del paese. Ma la passione per la palla a spicchi ha portato anche centri decisamente più periferici a costruirsi una solida storia sportiva incentrata sul basket: pensiamo a Varese, Cantù o Pesaro, centri che per un appassionato di pallacanestro hanno maggior rilevanza di metropoli come Napoli o Firenze. Il campionato di Serie A di basket è organizzato dalla LBA (Lega Basket A), unica lega sportiva professionistica italiana dopo le tre che coinvolgono il calcio. La sede principale di LBA (il cui nome ufficiale è Lega Società di Pallacanestro Serie A) si trova a Bologna, la città dove il basket ha maggior successo lungo la penisola. Dal 2001 si occupa del campionato di Serie A maschile, insieme a Coppa Italia, Supercoppa e All Star Game, mentre un’altra entità, la Legadue, ha in carico l’organizzazione del campionato di Serie A2. Per questo comunemente viene utilizzato il termine di Serie A1, nonostante ufficialmente questo termine non si utilizzi più dal 2001 e il nome ufficiale del campionato sia semplicemente Serie A.

SCOMMETTERE SUL BASKET DI SERIEA1

Il campionato di basket di Serie A è una competizione sempre molto aperta e appassionante. Storicamente tra le squadre favorite per il titolo troviamo sempre l’Olimpia Milano, unica squadra italiana peraltro in possesso della licenza che le garantisce il diritto di partecipazione all’Eurolega. Negli ultimi anni Milano si è contesa i titoli con la Reyer Venezia e la sorpresa Dinamo Sassari, ma tra le favorite per il titolo bisogna sempre ricordarsi anche di squadre dalla grande tradizione come le squadre di Bologna, entrambe risollevatesi dopo periodi bui. Ad oggi sembra più attrezzata la Virtus rispetto alla Fortitudo. Oltre che sull’esito finale antepost, sia per quanto riguarda la regular season che per il vincitore del titolo, è possibile scommettere anche sulle singole partite in calendario. Il basket offre una grande ventaglio di possibili scommesse riguardo ad ogni match. È possibile infatti dare il proprio pronostico in chiave di esito finale, con il classico 1X2, con la X che racchiude la possibilità di pareggio o di una differenza di punti uguale o inferiore a 5, oppure scommettere sul margine di vittoria, scegliendo tra più esiti l’intervallo dello scarto di punti al termine della partita, compresi anche gli eventuali supplementari.

FORMATO E REGOLE DEL CAMPIONATO DI BASKET A1

Il campionato di basket di Serie A conta 16 squadre partecipanti, che disputano una prima fase di regular season e quindi i play-off per assegnare il titolo. La regular season consiste in un girone all’italiana, con partite di andata e ritorno. Per ogni partita si assegnano 2 punti in caso di vittoria e 0 in caso di sconfitta. Il pareggio non è contemplato, e in caso di parità nel punteggio alla fine dei tempi regolamentari si procede con i supplementari. Alla fine del girone di andata, le squadre che occupano i primi 8 posti si guadagnano il diritto di giocare la Coppa Italia. Alla fine del girone di ritorno, invece, le squadre della prima metà della classifica si qualificano per i play-off scudetto, oltre che per le coppe europee. Le ultime due classificate retrocedono in Serie A2, ed il loro posto nella stagione successiva viene preso dalle vincenti dei due gironi dei play-off promozione di quella categoria. Negli ultimi anni ci sono stati vari problemi con l’iscrizione al campionato di molte società, talvolta anche a campionato in corso, come nel caso della Virtus Roma esclusa dal campionato in corso il 10 dicembre 2020. Per questo motivo la FIP si ritrova spesso costretta ad intervenire invitando squadre di A2 sulla base del merito sportivo per completare la griglia di partenza del campionato. I play-off per il titolo si articolano prima nei quarti di finale, disputati al meglio delle 5 partite. Chi supera i quarti affronta le semifinali e l’eventuale finale al meglio delle 7 gare. Chi si aggiudica prima 5 vittorie in finale, quindi, conquista lo scudetto e la possibilità di sfidare la vincente della Coppa Italia nella finale di Supercoppa Italiana. Ogni squadra può avere in rosa 5 o 6 giocatori stranieri, ma la composizione della rosa è legata anche ad altri fattori. Una squadra infatti può scegliere di adottare la formula 5+5, ovvero massimo 5 giocatori stranieri e almeno 5 giocatori di formazione italiana, e accedendo così anche a dei premi economici distribuiti dalla federazione a fine stagione. Altrimenti, può scegliere la formula 6+6, potendo così schierare 6 giocatori cresciuti all’estero e 6 giocatori di formazione italiana, ma rinunciando così ai premi e anzi, versando una luxury tax di 40.000 €.

STORIA DEL CAMPIONATO DI BASKET

Il primo campionato di basket in Italia risale al 1920, organizzato dalla Federginnastica, mentre la Federazione Italiana Pallacanestro nacque solo 2 anni più tardi. Inizialmente la scena fu dominata dalle squadre di Milano (tra cui anche l’effimera sezione dedicata al basket dell’Inter), ma in seguito anche Roma e Trieste si presero la luce della ribalta. Poco prima della II Guerra Mondiale arriva al successo per 3 volte consecutive la Reyer Venezia, anche se il terzo titolo non le verrà mai assegnato per un’irregolarità nel cronometraggio in finale. Dopo la Guerra, ci furono i primi titoli per la Virtus Bologna, ma soprattutto l’egemonia dell’Olimpia Milano, che vinse 14 campionati su 18, dominando la scena fino a fine anni ‘60. Gli anni ‘70 videro l’affermarsi di due nuove piazze come Cantù e Varese, capaci di trionfare in Italia così come nelle neonate competizioni europee. A partire dagli anni ‘80 si vedono nuove città in grado di vincere il titolo, come Roma, Pesaro, Caserta e Treviso. A partire dagli anni ‘90 poi c’è il dominio di Siena, capace di vincere 8 scudetti nell’arco di 10 anni, anche se gli ultimi 2 le vengono poi revocati in seguito alla condanna per irregolarità finanziarie ed amministrative. Negli ultimi anni, con la scomparsa di Siena dai parquet della Serie A e con le squadre di Bologna e Treviso che hanno affrontato traversie economico-sportive che le hanno portate a ricominciare dalle categorie inferiori, la squadra più importante è sicuramente l’Olimpia Milano, ma non sono mancati i successi della sorprendente Dinamo Sassari e della “rediviva” Reyer Venezia.

0Schedina

Ci sei quasi!

Stiamo caricando le tue scommesse, saranno qui in un secondo

Bonus Clienti EsistentiVedi tutti i bonusBonus Oddschecker